INTERDITTIVA ANTIMAFIA ED EROGAZIONE SOMME DA PARTE DI UNA P.A.

Il Consiglio di Stato in Adunanza Plenaria, con sentenza n. 3/2018, si è pronunciata su una importantissima questione concernente la possibilità di erogazione da parte di una pubblica amministrazione somme di danaro, spettanti a titolo di risarcimento del danno, in favore di un soggetto che sia stato attinto – prima della definizione del giudizio risarcitorio – da un’informativa interdittiva antimafia, conosciuta solo successivamente alla formazione del giudicato e taciuta dal soggetto stesso, ovvero se il giudicato favorevole, comunque formatosi, obblighi in ogni caso l’amministrazione a darvi corso e a corrispondere, quindi, la somma accertata come spettante.

Anzitutto, giova rammentare che l’interdittiva antimafia è un provvedimento amministrativo al quale deve essere riconosciuta natura cautelare e preventiva, in un’ottica di bilanciamento tra la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica e la libertà di iniziativa economica riconosciuta dall’art. 41 Cost.

La normativa di riferimento, in base alla quale i giudici di Palazzo Spada fondano la propria decisione, è riscontrabile nell’art, 67 d.lgs. n. 159/2011 (codice delle leggi antimafia). I giudici hanno inteso interpretare detta norma nel senso di precludere all’imprenditore (persona fisica o giuridica) la titolarità della posizione soggettiva che lo renderebbe idoneo a ricevere somme dovutegli dalla Pubblica Amministrazione a qualsiasi titolo, sia esso risarcitorio ovvero indennitario, ma la finalità del legislatore è, in generale, quella di evitare ogni “esborso di matrice pubblicistica” in favore di imprese soggette ad infiltrazioni criminali. Pertanto, il provvedimento di cd. “interdittiva antimafia” determina una particolare forma di incapacità giuridica e, dunque,  la insuscettività del soggetto.

In conclusione, l’Adunanza Plenaria enuncia i seguenti principi di diritto:

  1. a) “il provvedimento di cd. “interdittiva antimafia” determina una particolare forma di incapacità ex lege, parziale (in quanto limitata a specifici rapporti giuridici con la Pubblica Amministrazione) e tendenzialmente temporanea, con la conseguenza che al soggetto – persona fisica o giuridica – è precluso avere con la pubblica amministrazione rapporti riconducibili a quanto disposto dall’art. 67 d. lgs. 6 settembre 2011 n. 159”.
  2. b) l’art. 67, co. 1, lett. g) del d. lgs. 6 settembre 2011 n. 159, nella parte in cui prevede il divieto di ottenere, da parte del soggetto colpito dall’interdittiva antimafia, “contributi, finanziamenti e mutui agevolati ed altre erogazioni dello stesso tipo, comunque denominate, concessi o erogati da parte dello Stato, di altri enti pubblici o delle Comunità Europee, per lo svolgimento di attività imprenditoriali”, ricomprende anche l’impossibilità di percepire somme dovute a titolo di risarcimento del danno patito in connessione all’attività di impresa”.
FacebookTwitterGoogle+Condividi

You may also like...