L’azione diretta ex art. 1676 c.c. nei confronti del committente

T.A.R. SARDEGNA, Sez. I, 27 ottobre 2014, n. 850 – Pres. Monticelli – Est. Rovelli – Associazione
Italiana Assistenza Spastici Aias Cagliari c. Asl 7 – Carbonia e Ugl Sanità

La sentenza statuisce sull’art. 1676 c.c. , quest’ultima disposizione normativa attribuisce ai dipendenti dell’appaltatore un’azione diretta contro il committente per conseguire quanto è dovuto in conseguenza della prestazione dell’attività svolta per l’esecuzione dell’opera o del servizio appaltato.
Ne deriva una solidarietà passiva tra appaltatore e committente, infatti, l’azione persegue il fine di attribuire ai dipendenti dell’appaltatore un eccezionale mezzo di tutela dei loro crediti di lavoro, da far valere nei confronti del committente il quale, pur estraneo al loro rapporto di lavoro, si è comunque avvalso dell’opera da essi prestata.
A bene vedere, si tratta di azione diretta, che ha natura sostitutoria, ed è distinta dall’azione surrogatoria.
Talchè, l’art. 1676 c.c. si applica anche ai contratti di appalto stipulati con le pubbliche amministrazioni.

Clicca qui per il testo integrale del provvedimento.

FacebookTwitterGoogle+Condividi

You may also like...