In caso di sostituzione del dirigente medico si applica l’art. 2103 c.c.?

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 28030/2018 ha disposto che:  “la sostituzione nell’incarico di dirigente medico del servizio sanitario nazionale ai sensi dell’art. 18 del c.c.n.l. dirigenza medica e veterinaria dell’8 giugno 2000, non si configura come svolgimento di mansioni superiori poichè avviene nell’ambito del ruolo e livello unico della dirigenza sanitaria, sicchè non trova applicazione l’art. 2103 c.c. e al sostituto non spetta il trattamento accessorio del sostituito ma solo la prevista indennità cd. sostitutiva, senza che rilevi, in senso contrario, la prosecuzione dell’incarico oltre il termine di sei mesi (o di dodici se prorogato) per l’espletamento della procedura per la copertura del posto vacante, dovendosi considerare adeguatamente remunerativa l’indennità sostitutiva specificamente prevista dalla disciplina collettiva e, quindi, inapplicabile l’art. 36 Cost.” (Cass. n. 16299/2015 e negli stessi termini Cass. n. 15577/2015, n. 584/2016, n. 9879/2017).

Pertanto, per il Supremo Collegio, nell’ambito della sostituzione nell’incarico di dirigente medico non può trovare applicazione l’art. 2103 c.c.: al sostituto, pertanto, spetterà solo l’indennità sostitutiva specificatamente prevista dalla disciplina collettiva.

FacebookTwitterGoogle+Condividi

You may also like...